LEONARD COHEN



Immenso vecchio della canzone
hai cantato l’amore come nessuno
ti ho visto sul palco per l’ultima volta
mi hai stregato con la tua bravura
la tua classe era innata e inarrivabile
suonano ancora in me le note
vibrano in me le tue parole
The end of love o Suzanne.
Dicesti una volta: «Vorrei dire
tutto ciò che c’è da dire
in una sola parola. Odio
quanto può succedere
tra l’inizio e la fine di una frase»
Quanta poesia ci hai donato
quante melodie indimenticabili
come hai segnato tu il mio cuore
nessuno l’ha fatto mai in giovinezza
del vivere e dello scrivere mi hai
concesso e donato l’ebrezza!


Pubblicato da Emilio Ferro

Scrivo poesie per diletto. Alcune di esse, sono state pubblicate in due raccolte della poesia contemporanea, che sono state presentate al salone del libro di questi ultimi anni. Due raccolte sono state edite da Pagine srl. "Il caso riesce a creare molto di più di quanto possiamo immaginare - la necessità farà il resto; a noi, il privilegio di vivere il meraviglioso," ...Mia moglie

2 pensieri riguardo “LEONARD COHEN

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: