GINO ERA MIO AMICO



Nella corsia dell’ospedale
trascorrevamo il tempo a giocare
con le carte o con ciò che capitava
Gino era mio amico e stava male
facevamo gli scherzi alle infermiere
che ci sgridavano bonariamente
comprendevano la nostra innocente
impazienza di star chiusi tra quelle mura
le notti erano lunghe e non finivano mai
poi una notte uccisero Milena Sutter
la notizia nel reparto si diffuse
noi bambini avevamo il terrore negli occhi
le infermiere l’avevano nascosto in fondo
al cuore per tranquillizzarci sorridevano
ai nostri sguardi impauriti e smarriti
Gino era mio amico aveva come me paura
la notte passò con un sonno incostante
il sole ci risvegliò: ridemmo in un istante
inconsapevole infanzia tutto rimuove
anche un ospedale diventa parco giochi…

Pubblicato da Emilio Ferro

Scrivo poesie per diletto. Alcune di esse, sono state pubblicate in due raccolte della poesia contemporanea, che sono state presentate al salone del libro di questi ultimi anni. Due raccolte sono state edite da Pagine srl. "Il caso riesce a creare molto di più di quanto possiamo immaginare - la necessità farà il resto; a noi, il privilegio di vivere il meraviglioso," ...Mia moglie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: