11 SETTEMBRE

 
Quando, questa mattina mi lasciasti lì sul marciapiede al volo
ed in un balzo scesi dall’auto porgendoti un saluto con la mano
scrutando, ansioso, nello specchietto per scorgere il tuo viso
mai avrei pensato che fosse l’ultima volta che l’avrei veduto.

Quando, accesi la sigaretta osservando, lo sguardo curioso
quella strana tipa, tutta di rosa vestita ed i suoi piedi affilati,
e la sua mano agitata, nervosa, mi squadrava nascosta da lenti nere,
mai avrei creduto fosse l’ultima donna che avrei osservato.

Quando, immergevo il mio sguardo nel caffè bollente e rivedevo,
innocente, il tuo sorriso, tu nel mezzo cortile assieme ai tuoi compagni
correre come uno sciame d’api giocose, miele e zucchero della vita
bambino mio, mai fosse stato l’ultimo sorriso che m’avresti offerto.

Quando, seduto sulla poltrona di pelle meditavo su rapporti e relazioni
sulle reazioni dall’amministratore da contenere, alle prospettive
del mercato che mi offrivano un’opportunità ed un futuro sicuro,
mai avrei immaginato ch’esso fosse dinanzi a me infuocato e scuro.

Quando, raggiunsi l’ultimo piano e le scale mobili mi portarono lente
al piano aperto dove il cielo è più vicino delle case e son macchie gialle i taxi
la curva della terra, come un fantastico trampolino con il sole per medaglia
mai avrei creduto che quello fosse stato il mio ultimo salto.

Quando, squillò il telefono e risposi, il tuo pianto acuto, mi dicevi: Ti amo
e non capivo, seguivo inebetita lo srotolarsi d’interminabili attimi. Ti amo
rispondevo al telefono ormai muto, il fuoco ingoiava crudele ed assurdo
la vita: la tua, la mia. Avrei fermato il tempo per sentire la tua voce in eterno.

Quando, salivo le scale quattro a quattro, il fumo acre sempre più denso e invadente
ed io bardato di asce, estintori e maschere come un cavaliere del nuovo millennio
correvo imponendo al cuore uno scudo, nascosta la paura dietro la mia armatura, salendo
ogni piano stridente metallo, ogni atrio scroscianti cristalli, ogni passo lembi di fuoco
e donne, e uomini torcia, vento infernale e incedere lento del cemento su se stesso
un assurdo e malefico accartocciarsi del mondo, rinchiudersi in sé dell’universo

Immaginavo la morte meno atroce, le porte d’un inferno aperte da un volo innocente.

Pubblicato da Emilio Ferro

Scrivo poesie per diletto. Alcune di esse, sono state pubblicate in due raccolte della poesia contemporanea, che sono state presentate al salone del libro di questi ultimi anni. Due raccolte sono state edite da Pagine srl. "Il caso riesce a creare molto di più di quanto possiamo immaginare - la necessità farà il resto; a noi, il privilegio di vivere il meraviglioso," ...Mia moglie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: